Una delle conseguenze dell’epidemia di Covid 19 che ha colpito ormai da più di un anno il nostro Paese è quella del contagio e per questo è necessario mettere in atto tutte le possibili misure di prevenzione.

 Uno tra questi è la sanificazione degli ambienti dove c’è affollamento di persone come i mezzi pubblici di trasporto

Sia gli enti pubblici che li gestiscono che le varie amministrazioni hanno adottato queste misure sia per i treni che per gli autobus, gli aerei e gli automezzi aziendali.

 Scopriamo le possibili misure per la sanificazione mezzi pubblici.

L’importanza della sanificazione dei mezzi pubblici

I mezzi pubblici sono degli spazi nei quali si trovano contemporaneamente molte persone e questo fatto rappresenta una possibilità di contaminazione e contagio altissima. Specie in questi ambienti, dunque, la pulizia e la sanificazione frequenti diventano un imperativo.

Nei periodi invernali, inoltre, la sanificazione rende minimo il ricircolo dell’aria, potenzialmente contaminante. 

A causa della frequentazione di molte persone la presenza di virus, muffe e batteri è molto diffusa e per questo, oltre alle normali azioni di pulizia che vengono eseguite per quanto riguarda tutte le superfici che possono venire a contatto con le mani delle persone come i sedili ed i tavolini, si consiglia di eseguire una sanificazione professionale

Uno dei metodi più strategici per sanificare è quello che utilizza il vapore

I generatori di vapore rilasciano vapore secco saturo ad una temperatura di circa 190°C: per mezzo di un tale shock termico è possibile pulire, igienizzare e sanificare eliminando lo sporco e le macchie, ma soprattutto, virus, germi e batteri. Infatti la combinazione del potere assorbente delle goccioline d’acqua con la pressione uccide i microrganismi e pulisce a fondo.

Il vapore si rivela la scelta più saggia anche vista la sua capacità di raggiungere gli angoli più difficili e nascosti, che altrimenti potrebbero sfuggire agli strumenti tradizionali.

 

Sanificazione mezzi pubblici: autobus e pullmandisinfezione auto

Gli autobus e i pullman, ovvero i mezzi più frequentati in città, alla portata quotidiana di tutti, possono essere puliti e sanificati, sia all’esterno che all’interno, sfruttando le proprietà del vapore.

Per quanto riguarda la pulizia esterna, si riesce a svolgere, in questo modo, la decontaminazione e la rimozione completa di tutti gli agenti inquinanti che si trovano sulla carrozzeria che non si possono risolvere con il semplice lavaggio.

Il vapore secco saturo ad alta temperatura è il più indicato anche nella pulizia degli interni: la tappezzeria, i corridoi, le eventuali toilette, i pavimenti, i sedili, i cruscotti ma anche i condotti dell’aria possono essere così sanificati e igienizzati.

Il vapore non danneggia le strumentazioni, ed essendo secco, le superfici possono essere immediatamente riutilizzate subito dopo essere state ‘lavate’ perché rimangono asciutte.

 

Sanificazione mezzi pubblici: trenisanificazione treni

Le misure per la sicurezza e l’igiene dei treni prevedono la pulizia e la disinfezione delle superfici di maggior contatto (maniglie, pulsanti di apertura porte, pulsantiere dei distributori automatici), nonché dei convogli e delle cabine di guida al rientro o all’uscita impianto con specifici prodotti sanificanti. Oltre alla pulizia, è bene effettuare anche quotidianamente la disinfezione.

Ogni 2 giorni viene, inoltre, effettuata la disinfezione di carrozze, bagni e cabine di guida con prodotti PMC e sistemi che atomizzano i prodotti e saturano gli ambienti.

Durante le soste più lunghe nelle stazioni è prevista inoltre l’igienizzazione delle superfici e degli ambienti.

Nel caso in cui ci siano casi, sospetti o accertati, di positivi al Covid19, è prevista la sanificazione con nebulizzatore.

Non bisogna trascurare, nei treni, neanche la frequente sostituzione dei filtri dell’aria condizionata, per assicurarsi che l’aria non sia viziata ma sempre pulita.

 

Sanificazione mezzi pubblici: aereitrattamento ozono

Salire a bordo di un aereo è come entrare in una sala operatoria. Questo perché con i sistemi di filtraggio dell’aria di cui è dotato un aereo l’aria è sempre sanificata, e l’ambiente dell’aereo diviene così un ambiente asettico

Occorre tenere presente, però, che in aereo convivono molte persone per diverse ore.

Perciò, nell’ultimo periodo l’attività di sanificazione è stata potenziata anche negli aeromobili, che vengono sanificati ogni giorno durante la sosta, tramite la nebulizzazione di sostanze chimiche appropriate, che richiedono alcune decine di minuti per agire. 

L’aria pulita viene fatta entrare all’altezza delle ali dell’aereo, dove si trovano dei filtri capaci di rimuovere particelle come polvere, cellule dell’epidermide umana, virus, allergeni, batteri fino a una dimensione di 0,001 micrometri.

In quasi tutti i modelli di aerei l’aria è composta da 50 e 50%:

50% dell’aria è presa dall’esterno, mentre il 50% dall’interno, ma filtrata.

Durante i transiti, poi, tra un volo e l’altro, si procede con le pulizie tecniche effettuate da personale specializzato, che disinfetta tutte le superfici con vapore ad alta temperatura.

 

Sanificazione mezzi pubblici: automezzi aziendaliabitacolo camion

Nella lista dei mezzi pubblici che devono essere sanificati rientrano i mezzi di lavoro.

È importante che la loro sanificazione sia frequente e corretta: lo dimostra il fatto che è stato pubblicato un documento specifico e dedicato alla sanificazione delle cabine di guida di automezzi aziendali, al fine di prevenire il contagio da Covid19.

La sanificazione dei mezzi aziendali rientra nel rispetto delle norme di prevenzione e di contenimento dei contagi sui luoghi di lavoro.

Ma quali sono i mezzi aziendali?

  • tutti gli automezzi aziendali, leggeri e pesanti che, per esigenze di servizio, sono in uso condiviso di lavoratori operanti su più turni;
  • le autovetture aziendali assegnate a un dipendente occasionalmente e riconsegnate a fine turno per essere assegnate ad un altro utente;
  • le autovetture aziendali su cui sono saliti passeggeri occasionali;
  • gli automezzi aziendali di qualsiasi tipo, di ritorno da attività di rifornimento e/o manutenzione svolte da terzi”.

La sanificazione degli automezzi aziendali è necessario che venga effettuata da personale autorizzato e esperto, con cadenza regolare, proprio per garantire la massima sicurezza dei mezzi

I metodi per sanificare gli automezzi aziendali sono diversi, preferendo sempre la tecnica a vapore. È possibile disporre di un apposito kit di sanificazione provvisto di bombola monouso disinfettante ad azione germicida antivirale o di un generatore portatile di ozono ad azione chimica germicida antivirale.

L’ozono ha un elevato potere sanificante, e per questo viene molto sfruttato dalla nostra ditta, per la sanificazione mezzi pubblici.

 

La sanificazione con ozonosanificazione abitacolo ozono

Una delle modalità di sanificazione è quella che usa la tecnologia dell’ozono, che viene distribuito negli ambienti da apposite apparecchiature per disinfettare tutte le superfici eliminando le cariche batteriche che si potrebbero trovare all’interno.

 I dati relativi a questa tecnologia confermano il 99,6% di virus e batteri e una drastica riduzione del rischio di contagio per le persone.

 Secondo le normative attualmente in vigore, i mezzi di trasporto pubblici devono essere sottoposti a una sanificazione periodica in modo da evitare che gli agenti patogeni possano propagarsi

Questa tecnologia pulita consente di farlo in modo sicuro ma nello stesso tempo deve essere eseguita da personale specializzato, utilizzando delle apparecchiature professionali.

Dato che i virus si possono propagare in varie maniere, anche attraverso dei condotti di aerazione, grazie all’ozono è possibile eliminare tutte le impurità batteriche presenti, raggiungendo anche gli spazi meno accessibili.

L’ozono agisce con rapidità, sia che si tratti di una sanificazione abitazioni private che di una sanificazione uffici e sanificazione negozi, ed anche nei mezzi di trasporto pubblici elimina completamente i batteri grazie al proprio potere ossidante.

Inoltre raggiunge tutti i punti e anche i vari condotti di aspirazione, eliminando i virus ed i batteri anche da questi. Una delle proprietà più importanti dell’ozono è quella della completa assenza di residui a differenza dei comuni disinfettanti che, avendo una base liquida, possono non soltanto danneggiare le superfici sulle quali vengono utilizzati, ma anche lasciare dei residui tossici.

 

Altre misure di prevenzionemascherine protezione

Oltre alla sanificazione dei mezzi di trasporto pubblici, per evitare il propagarsi del contagio è necessario attuare anche altre misure di prevenzione, come ad esempio prevedere la salita e la discesa da porte diverse, evitando così contatti ravvicinati tra i passeggeri. 

Naturalmente l’uso delle mascherine resta obbligatorio a bordo e così la necessità di mantenere la distanza minima di 1 metro.

 L’attività di sanificazione, come previsto dalle normative, deve essere estesa anche ai locali di attesa dei mezzi pubblici ed a quelli a bordo di navi e battelli, oltre che agli aeroporti. 

Una misura ulteriore è rappresentata dall’incentivazione all’acquisto dei biglietti con modalità elettroniche in modo da evitare le file agli sportelli o alle macchinette distributrici.

Sia a bordo degli autobus, che dei tram deve essere fissato il numero massimo di passeggeri, e le singole aziende che li gestiscono hanno la facoltà di diramare delle apposite istruzioni in merito.

Sui treni, oltre alla sanificazione periodica e sistematica, vengono anche posizionati dei dispenser per poter igienizzare le mani sia al momento della salita che della discesa, ed in tutte le occasioni necessarie.

In generale per evitare il propagarsi del contagio, è necessario che alla sanificazione ed alle altre misure di prevenzione si accompagni sempre un corretto utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico da parte degli utenti stessi.