Sterilizzazione Roma

Perché scegliere proprio una sterilizzazione Roma? In questo articolo cerchiamo dare le giuste delucidazioni.

La sterilizzazione è un’altra metodica che si propone di eliminare microrganismi patogeni, più o meno pericolosi, che possono causare l’inizio di un’infezione o essere veicolo di malattie. Inseriamo dunque la sterilizzazione all’interno dei vari processi virucidi, scrupolosi e responsabili, che il nostro paese sta adottando per contenere questa pandemia.

La sterilizzazione tuttavia non è un servizio che riguarda esclusivamente il Covid19. È chiaro che è un servizio che estirpa l’aggressività dei microrganismi.

Essa si struttura in varie fasi. Ne citiamo 4 principali, che riguardano la sterilizzazione ambientale:

  • decontaminazione (la maggior parte dell’azione virucida, che avviene tramite fumigazioni e vapori ad alta temperatura);
  • detersione (con prodotti certificati, efficaci nell’igienizzazione);
  • risciacquo;
  • asciugatura.

 Si tratta di un servizio specifico per determinati ambienti e strumenti. Quali sono?

 

Sterilizzazione Roma: gli ambienti coinvolti 

Gli ambienti che prediligono la sterilizzazione sono in genere quelli che hanno un’alta contaminazione da virus e batteri: studi medici e dentistici, ambienti ospedalieri (con attenzione alle sale operatorie), studi veterinari e centri estetici. Di conseguenza necessitano una sterilizzazione anche tutti gli accessori e strumenti che vengono usati direttamente sui clienti, i quali devono essere tutelati e ne hanno, anzi, il diritto.

 

Studi medici e dentistici

sterilizzazione calore seccoGli studi medici sono facili focolai di contagio, a causa del costante via vai di persone che evidentemente accusano qualche malessere, e anche a causa di batteri e virus affezionati che si annidano nell’ambiente, per cui è difficile mandarli via, perché il lavoro degli operatori di pulizia non è in grado di arrivare ai loro nascondigli. Soprattutto le sale d’aspetto dovrebbero beneficiare di un buon trattamento di sterilizzazione.

Al fine di eliminare i microrganismi e di sostituire l’aria viziata con quella pulita, la sterilizzazione va ad agire nel profondo. Impieghiamo erogatori ad aerosol che diffondono perossido di idrogeno sotto forma di vapore: questo si scompone in sostanze naturali quali ossigeno ed acqua e raggiunge ogni parte, restituendo un’aria completamente nuova.

Inoltre, sarebbe bene provvedere ad installare dei climatizzatori o dei condizionatori provvisti di filtri antibatterici, per catturare eventuali batteri e microrganismi.

Trattandosi degli studi dentistici e delle sale operatorie, un’attenzione particolare la meritano gli strumenti di lavoro, per prevenire il rischio biologico che questi ambienti comportano.

Sicuramente gli ambienti interessati, e sottolineiamo più di tutti quello ospedaliero, devono svolgere un’accurata pulizia, con detersione e disinfezione delle superfici, un prerequisito fondamentale per poter procedere con la sterilizzazione dei materiali.

sterilizzazione a freddo strumentario chirurgico

Questo procedimento è complesso e articolato, e conoscerlo può farci sentire anche al sicuro, sapendo che, se e quando ognuno di noi va dal dentista o in ospedale, sono applicate tutte le precauzioni per tutelare la nostra salute, in primis.

 

Vedi Anche:  Sanificazione casa Roma

La sterilizzazione degli attrezzi

La sterilizzazione dei materiali e degli attrezzi usati è una voce essenziale, sia per gli studi dentistici che per la sterilizzazione ospedaliera.

sterilizzazione attrezziEssa si struttura in questo modo:

  • si raccolgono i materiali contaminati al termine del loro utilizzo, tramite contenitori sterili;
  • si prepara una soluzione disinfettante apposita dove immergere il contenitore con i materiali da trattare;
  • segue il lavaggio dei materiali con una soluzione detergente;
  • avviene poi la pulizia ‘ad ultrasuoni’ per i dispositivi medici delicati o, parlando degli studi dentistici, quelli che presentano articolazioni e zigrinature;
  • si risciacquano, con acqua o usando una ‘doccia demineralizzata’;
  • si asciugano, tramite un panno di carta o di stoffa o una pistola ad aria compressa;
  • avviene un controllo dei materiali per garantire che non siano stati danneggiati e che possano funzionare ancora correttamente;
  • per finire questi vengono confezionati per un’altra sterilizzazione, la sterilizzazione a vapore, in autoclave, di cui parleremo sotto.

 

Studi veterinari

sterilizzare significatoOffriamo servizi di sterilizzazione Roma anche agli studi e agli ambulatori veterinari.

Negli studi veterinari la concentrazione di virus e batteri è alta.

Sono infatti ambienti analoghi agli studi medici e agli ospedali, con la differenza che i pazienti non sono le persone, ma gli animali. Ciò può aumentare la diffusione di virus, batteri, zecche e pulci, che sono dannosi sia per gli animali che per l’uomo. È essenziale quindi proteggerli e proteggerci, e pianificare una sterilizzazione sia delle sale, in cui sono compresi arredi, superfici e pareti, che delle attrezzature che si utilizzano.

 

Centri estetici

sterilizzazione esteticaAnche i centri estetici possono beneficiare di un trattamento di sterilizzazione a dovere. È un ambiente in cui è presente un alto rischio di trasmissione di infezioni alle clienti, che certamente si vuole evitare. Lo scopo è infatti  raggiungere uno standard igienico ottimale, così da accrescere la fidelizzazione della clientela.

Le procedure di sterilizzazione estetica necessarie devono essere eseguite correttamente e scrupolosamente così da non rendere vano l’intero procedimento.

Possono essere impiegati diversi mezzi:

  • mezzi fisici: calore, a secco o umido, può essere usato sotto forma di fiamma oppure aria calda;
  • mezzi chimici: composti quaternari di ammonio, formalina, ossido di etilene;

Gli apparecchi usati per svolgere la sterilizzazione possono essere diversi. Molti centri estetici usano lo sterilizzatore a sfere di quarzo. Si consiglia poi, a seguito dell’avvenuta sterilizzazione, di tenere i materiali e gli attrezzi sotto le lampade UV, che hanno infatti un potere batteriostatico, ovvero di mantenere bassa la carica batterica sugli attrezzi e conservare la loro sterilità.autoclave sterilizzazione vapore

Un altro metodo largamente usato, nei centri estetici come anche nel campo della medicina in generale, quindi anche negli ospedali, è l’autoclave.

 

Vedi Anche:  Trattamento Virucida Roma

Sterilizzazione Roma con autoclave

sterilizzazione in autoclave

L’autoclave è un sistema di sterilizzazione che sfrutta le proprietà del vapore bollente.

Si tratta di un recipiente a pressione nel quale vengono direttamente inseriti i materiali da sterilizzare. Esso lavora in quattro fasi, che compongono un ciclo di sterilizzazione.

La prima fase consiste nella generazione del vuoto: occorre infatti eliminare l’aria presente all’interno dell’autoclave per poter rendere efficace a sterilizzazione, e lo si può fare in diversi modi

  • espulsione dal basso, che comprime l’aria verso il basso attraverso uno scarico;
  • pulsazioni a vapore, la camera viene pressurizzata e depressurizzata a fasi alterne per diluire l’aria;
  • pompe a vuoto, che aspirano l’acqua o miscelano aria/vapore della camera;
  • cicli superatmosferici, che consistono in una pulsazione a vapore, seguita da un vuoto e poi un’altra pulsazione e via dicendo;
  • cicli subatmosferici, simili ai cicli superatmosferici.

La seconda fase prevede il riscaldamento degli strumenti, che grazie al vapore saturo, raggiungono la temperatura necessaria.

Segue la fase di sterilizzazione vera e propria, che ha una durata che varia dalla temperatura raggiunta dall’autoclave e dalla concentrazione dei germi presenti sugli oggetti. In generale una durata standard è tra i 15 e i 20 minuti a una temperatura di 121°.

Infine avviene il raffreddamento, l’ultima fase del ciclo.

I nostri servizi coprono la città di Roma e la provincia. Se siete in questa zona e volete richiedere una sterilizzazione Roma, contattateci per saperne di più e richiedeteci un preventivo gratuito!